Demo dinamico - Galileo, sezione DHTML





 

 

 

 

 

Il Comprensorio Alburni-Calore, cuore del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, costituisce un microcosmo nel quale convivono quotidianamente diversificate forme di natura e cultura. In esso è possibile ammirare bellezze artistiche, architettoniche e naturali che rispecchiano la cultura e il gusto locale il quale richiama lo stretto rapporto che l’uomo cilentano ha sempre avuto con la Natura.

I numerosi borghi, che costituiscono il cuore dell’area cilentana, offrono bellezze architettoniche ed urbanistiche fino ad oggi poco conosciute e valorizzate.

Di notevole interesse risulta il piccolo borgo di Roscigno Vecchia, il quale racchiude in sé un bagaglio di testimonianze storico-culturali tipiche della civiltà contadina che ha da sempre abitato e contraddistinto le zone interne del Cilento e del meridione d’Italia. E’ una Città Museo che offre continuamente la visione reale di un mondo passato che, costituendo un patrimonio di valore inestimabile per la collettiva crescita culturale, necessita di non cadere nell’oblio e di essere tutelato e valorizzato.

Abbandonato agli inizi del ’900, il borgo offre uno scenario unico e incantevole. La sua struttura urbanistica e le abitazioni che la caratterizzano, lo rendono unico reperto rurale, dove il tempo sembra essersi fermato a più di un secolo fa, offrendo uno squarcio di quel tempo passato e della realtà contadina che costituisce un profonda radice del nostro presente.

Ubicato su una bassa collina ai piedi dei monti Alburni, a circa 500 m sul livello del mare, Roscigno Vecchia si presenta circondata da uno scenario naturalistico ricco di piantagioni di uliveti e vigneti che ne hanno da sempre caratterizzato l’economia, divenendo esempio tipico di centro rurale che accomuna le caratteristiche di tutti i piccoli paesi dell’area circostante.

Il suo territorio, che fin dall’antichità è stato frequentato da popolazioni dedite alla transumanza e ai traffici commerciali tra la costa tirrenica e le zone interne del Vallo di Diano, presenta numerose tracce archeologiche che testimoniano l’esistenza di insediamenti antichi che fanno dell’area roscignola uno dei più interessanti siti archeologici esistenti nel Cilento  interno.

Roscigno, quindi, si presenta nel contempo sito archeologico e sito rurale e abbraccia un variegato patrimonio culturale, comune anche agli altri centri rurali del Cilento Interno, che necessita di essere reso fruibile a tutti coloro che intendano conoscere e approfondire la storia delle aree interne della Provincia di Salerno.

Il piccolo borgo di Roscigno Vecchia è uno dei pochi paesi che, pur essendo stato abbandonato agli inizi del secolo, per pericolo di frana, ha conservato nel tempo l’originaria struttura urbanistica e abitativa rurale. Il progetto della Pro Loco «Città Museo Roscigno Vecchia», finalizzato a preservare il vecchio borgo, mira al recupero statico dell’intero paese e a valorizzare i suoi beni culturali.

L’idea è frutto di una lunga esperienza umana e di lavoro che vede da anni affiancati esperti di beni culturali e ambientali, museologi, antropologi, geologi, botanici e appassionati di cultura materiale che hanno contribuito alla conoscenza del «fenomeno Roscigno». Con la completa valorizzazione del patrimonio culturale del piccolo borgo, si da il via ad una più ampia operazione territoriale: lo sviluppo e la promozione dei tanti borghi rurali, di notevole interesse storico-ambientale sparsi nel comprensorio Alburni-Calore, all’interno del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Pertanto, l’attività ordinaria della Pro Loco, grazie al costante e razionale impegno del gruppo di lavoro e della squadra «Artigiani all’Opera» sarà sempre più orientata a fare di Roscigno Vecchia la sede ideale del: "Laboratorio territoriale di promozione e sviluppo Itinerari della Memoria".

Museo della Civiltà Contadina

Via G. Nicotera

84020 ROSCIGNO VECCHIA (SA)

 

informazioni:

Tel. e Fax 0828 963377

info@roscignovecchia.it

 

Apertura:

1° Aprile - 30 Settembre: Venerdì ore 16.00 - 19.00

                                        Sabato e Domenica ore 10.00 - 13.00 / 16.00 - 19.00

1° Ottobre - 31 Marzo:    Venerdì ore 14.00 - 17.00

                                        Sabato e Domenica ore 10.00 - 12.00 / 14.00 - 17.00

 

Responsabile. Franco Palmieri